Perché le tasse non sono un problema?

I guadagni che vedi sul mio sito sono al lordo perché le commissioni variano da Broker a Broker e le tasse da stato a stato. Chi ha conti con Broker estero ha diverse tassazioni, quindi i guadagni gli ho riportati al lordo dato che dalle piattaforme di simulazione si può fare.

Quando ho iniziato a fare trading la tassazione era al 12,5% ed oggi è arrivata al 26% in Italia.

Poi ci sono le commissioni di compravendita che i Broker percepiscono per i loro servizi su ogni transazione.

Chi si lamenta delle tasse?

Si lamenta delle tasse chi non sa fare trading!

E’ ovvio che pagare il 12,5% era meglio del 26% ma guadagnare senza fare nulla perdendo qualche ora al pc e pagare il 26% per me è ottimo.

Pagare le commissioni al broker che mi offre un servizio di compravendita, mi offre la piattaforma, mi offre l’assistenza, mi offre i circuiti di pagamento, ci lavorano tante persone per permettere che questi servizi compaiano sul nostro cellulare è una grande opportunità.

Un tempo solo le grandi banche e i grandi imprenditori potevano investire in Borsa e non è un periodo molto lontano, basta ricordare i film di De Sica negli anni 90.

Oggi apro investimenti mentre sono al mare o in spiaggia, mentre nel 2000 avevo internet con un modem 56k connesso col filo al telefono fisso e pagavo una bolletta esorbitante a Tiscali.

Ho guadagnato 680€ tra venerdì e lunedì in 2 giorni

Ho fatto questo mentre facevo altro al PC ed ascoltavo la musica.

Pagare il 26% su 680€ e le commissioni al Broker non mi sembra questo grande prelievo o perdita di ricchezza se pensi a chi deve lavorare 18 ore al giorno e svegliarsi alle 4 del mattino.

Quindi di cosa parla tanta gente?

Parla del fatto che non sa fare trading, non crede che si possa guadagnare, non ha voglia di studiare e di fare formazione, non ha la pazienza di imparare e quindi trova la scusa nella tassazione. Tutto qui!

Le aziende pagano fino al 68% più costi per pagare le tasse come commercialisti ecc… di cosa stiamo parlando?

Miglior pattern profittevole nel trading

Ci sono decine di patterns nel trading tutti profittevoli se messi al posto giusto.

In tutti i casi sia che si tratti di doppio minimo, doppio massimo, testa e spalle, tazza e manico o qualsiasi altro pattern, tutti si scontrano con questo problema:

Il problema è che gli operatori finanziari vedono monitorando i book di negoziazione dove sono i piazzati gli ordini di acquisto e di vendita inseriti da tutti noi.

Non ci vuole un bambino per capire che se si conoscono i punti in cui la massa compra si può capire anche dove inseriscono gli stop loss.

Se guardo il book di negoziazione relativo ad uno strumento finanziario capisco subito che se ci sono tantissimi ordini in vendita ad un certo livello, in alcuni casi può trattarsi di livello comune di stop loss.

Gli operatori finanziari che devono acquistare grosse quote trovano in questo modo il miglior punto per fare acquisti dato che ci sono tanti ordini in vendita.

Il problema è che quegli ordini in vendita non sono di chi ha già guadagnato e vuole vendere, ma di chi ha investito al rialzo e ha stabilito quel livello come vendita in caso di perdita.

Cosa succede?

Che una volta che gli ordini di vendita sono finiti e quindi sono scattati tutti gli stop loss, finisce che tanta gente ha perso soldi e poiché non ci sono più ordini di vendita il prezzo inizia a salire.

Gli operatori finanziari esperti guadagnano! Sempre!

FACILE!

Non è una questione di emozioni o di fortuna, ma è logico e matematico!

Questo è trading, tutto il resto è spazzatura!!!

Money Management – 500€ in 1 milione in un anno

Per Money Management in questo articolo non intendo la gestione del rapporto perdite/guadagni che deve assicurare guadagni costanti nel tempo ma parlo di LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE.

Si presuppone quindi che uno sappia già fare trading ed ottenere guadagni costanti nel tempo come quelli in figura, al di là di tassazione e commissioni che variano anche rispetto al paese in cui si opera e in cui ci sono tassazioni diverse.

Una volta che si ottengono risultati come questi e il money management è corretto allora subentra la legge di capitalizzazione che comporta il reinvestimento dei guadagni.

Ipotizziamo di usare casualmente il pattern (modello) che ho utilizzato per ottenere questi risultati e di reinvestire i guadagni senza usare leva finanziaria, cosa succede?

Se ottengo un utile medio del 3% di guadagno OGNI GIORNO e lo reinvesto di giorno in giorno, il capitale cresce costantemente.

Senza tutti questi calcoli, senza tutta questa strategia, senza controllo delle perdite, senza comprendere le movimentazioni degli operatori finanziari internazionali, quindi senza tutto questo money management come si può anche solo immaginare di ottenere risultati investendo a caso?

Il 95% delle persone che investono non hanno nemmeno idea di cosa sia il Money Management (o gestione del capitale) nel trading.

La formula è fatta da STRATEGIA (basata sulla conoscenza degli ordini di acquisto e di vendita) + Money Management (gestione delle perdite) + reinvestimento degli utili.

Come recuperare le perdite nel trading e negli investimenti: esempio reale creato da me..

Caro lettore, ciò che mette in ginocchio tutti i traders ed investitori sono le perdite.

Se  hai una perdita come questa è veramente difficile ed impossibile da recuperare.

Se però riesci a mantenere le perdite piccole e hai un sistema che permette di guadagnare almeno il doppio di ciò che perdi allora hai buone speranze di recuperare le perdite.

Se non sai come recuperare le perdite allora il tuo conto è destinato a svuotarsi fino alla fine.

Devi sapere, se non lo sai già che anche con una probabilità del 50% di vincita si può  guadagnare molto. Facciamo un esempio:

Perdo 5 volte 100 euro = -500 euro
Guadagno 5 volte 200 euro = + 1.000  euro
Risultato = + 500 euro

Fantastico!

Se stessi leggendo io questo articolo direi: “FACILE A DIRE! DIMOSTRAMELO PRATICAMENTE!”.

Mi sono ricordato di una volta che un campione mondiale di ping pong mi disse: “Giochiamo, ti do 10 punti di vantaggio!“.

Per far vedere come recupero le perdite ho voluto fare la stessa cosa. Ho deciso di prendere 10.000 euro e investire sui più famosi cambi di valuta come EUR/USD, EUR/JPY, ecc….

Prima  ho creato delle perdite (per dare un vantaggio al mercato) e devo dirti che ottenere tante perdite di fila è stato anche difficile perché per statistica qualche guadagno ci deve essere per forza, ma ho fatto in modo che potessero scattare  gli stop loss.

Ora vediamo praticamente, sono partito da 10.000 euro

DISCLAIMER: Guadagni ottenuti in papertradign su tradingview

Il conto è sceso velocemente a 9.978.56 in pochi minuti. L’unica cosa che ho fatto è stata mantenere le perdite piccole.

Ciò che ho fatto è stato da un vantaggio al mercato! Lo stesso vantaggio che il campione di ping pong aveva dato a me quando è iniziata la partita.

Da questo momento in poi ho deciso di recuperare tutte le perdite fino a riportare il capitale a 10.000 euro.

DISCLAIMER: Guadagni ottenuti in papertradign su tradingview

Magiaaaa!!!! Il capitale è tornato a 10.000 euro!

Tutto questo non per farti vedere che sono bravo (poco mi interessa)

Ciò che è importante capire è che un conto può crescere solo se si è in grado di recuperare le perdite. Devi sapere però che per recuperare  le perdite non bisogna mai investire senza STOP LOSS, basta una perdita enorme e irrecuperabile per uscire fuori  dal gioco.

Lo dico per te (non per me,  io so come is fa) se stai cercando di imparare!

Da 10.775$ in 18 Milioni di dollari in 2 anni, scopri chi…

Caro lettore, all’inizio quando investivo a caso ho perso due volte l’intero capitale investendo in Borsa ma poi con la giusta formazione sono riuscito ad ottenere performance come queste:

Non è facile ma chiunque può riuscire!

Uno dei più grandi speculatori di Borsa al  mondo è William J. O’Neill con un rendimento stimato del 5.000% negli ultimi 25 anni. Tutti i più grandi investitori istituzionali multi-milionari hanno imparato da lui.

Il libro leggenda è questo, ma c’è un problema ed è che il suo sistema è per grandi investitori, ovvero per coloro che investono già diversi milioni di euro e quindi possono aspettare anche anni prima  che il prezzo di un’azione salga.

Non si addice molto a chi vuole fare soldi velocemente. La buona notizia è che io uso questo sistema per scambiare azioni e cambi i valuta ogni giorno.

I risultati sono questi:

Ora vediamo alcune frasi più famose di Wiliam J. O’Neil:

“Il 90% delle persone nel mercato azionario, professionisti e dilettanti allo stesso modo, semplicemente non hanno fatto abbastanza compiti a casa”.

“L’intero segreto per vincere in borsa è perdere il minor importo possibile quando non hai ragione”.

“Il successo in un paese libero è semplice. Trova un lavoro, ottieni un’istruzione e impara a risparmiare e investire saggiamente. Chiunque può farlo. Puoi farcela.”

“Una volta un grande trader ha notato che sul mercato ci sono solo due emozioni: speranza e paura. “L’unico problema”, ha aggiunto, “è che speriamo quando dovremmo temere, e temiamo quando dovremmo sperare”. Questo è vero tanto nel 2009 come lo era nel 1909.”

“Libri di investimento in biblioteca. Il migliore è stato Come negoziare titoli, di Jesse Livermore.”

Devi essere completamente obiettivo e riconoscere ciò che il mercato ti sta dicendo, piuttosto che cercare di dimostrare che ciò che hai detto o fatto ieri o sei settimane fa era giusto. Il modo più veloce per fare un bagno di  sangue nel mercato azionario è provare a dimostrare che hai ragione e che il mercato ha torto. Umiltà e buon senso forniscono un equilibrio essenziale.

I primi 2 traders sono Chris Kacher e Gil Morales

Non c’è dubbio che abbiano imparato da O’Neil perché uno dei due ha anche lavorato nella società di consulenza finanziaria mondiale di O’Neill.

Hanno scritto un libro entrambi in cui spiegano la disciplina di O’Neill ed il libro è sottotitolato: “Strategie che hanno permesso di ottenere 18.000% nel mercato azionario“.

Il 3° investitore è Dan Zanger che ha trasformato 10.775$ in 18 Milioni di dollari in 2 anni.

Come puoi vedere ho riportato alcuni documenti in cui viene indicato come Dan Zanger abbia usato i metodi di O’Neill e come alcuni dei suoi clienti che seguono le sue newsletter abbiano trasformato  ad esempio 12.000$ in 2, 4 Milioni di dollari in 4anni.

Questo è tutto!

Le informazioni che si possono trovare online riguardo queste tecniche a mia opinione personale sono molto confuse ed inapplicabili praticamente, ecco perché ho creato un manuale esclusivo!

Cosa puoi fare di concreto ora?

1 Non investire fino a quando non hai una strategia che ti permette di rischiare ad esempio 100€ in caso di perdita e di guadagnarne mediamente 250€ in caso di guadagno (altrimenti sarebbe impossibile recuperare le perdite)

2 Se non credi che sia così facile perdere soldi in Borsa (perché non hai mai investito), allora registrati gratis su tradingview.com e imposta un capitale di 10.000€ ed inizia a fare  investimenti su azioni e Forex, vedrai quanto sarà facile perdere il capitale e non riuscire più a recuperarlo.

3 Studia, altrimenti investendo a caso non ne verrai mai a capo della soluzione.

Condividi questo articolo se pensi che possa essere utile a qualcuno che sta perdendo soldi in Borsa o sul Forex in questo momento.

Compravendere sempre la stessa azione decine di volte è il miglior modo per andare in rovina.

Il trading sequenziale è ciò che rovina la maggior parte dei traders o investitori.

Uno degli errori più comuni che vedo fare dalla maggior parte dei traders  o investitori è quello di compravendere decine e  decine di volte il titolo azionario per cui si è andati “in fissa”.

Ogni traders o investitore ha un titolo per cui è “in fissa” e non lo molla.

Il problema è che ti è stato detto più e più volte che i mercati finanziari e quindi le azioni e i cambi di valuta sono ciclici e questo è vero solo in parte.

SE PRENDI UN TITOLO AZIONARIO E TI METTI PERSONALMENTE AD ANALIZZARLO SCOPRI CHE NON C’E’ NULLA DI CICLICO COME TI HANNO DETTO

Prova ad  investire sulla ciclicità di un titolo azionario e scoprirai non solo che non è ciclico ma soprattutto scoprirai di aver perso un sacco di soldi.

Se guardi questo andamento di prezzo puoi vedere che non si ripete più e più volte allo stesso identico modo come ti hanno detto, quindi non puoi prevedere il futuro in base al passato, quindi se lo farai perderai soldi.

Concentrarsi solo su un titolo azionario o cambio di valuta per comprare quando scende e vendere quando sale non è una strategia di trading ma è una ricetta per il fallimento.

Vedo traders e investitori fare la media al ribasso, cioè comprare quando il prezzo crolla,  poi comprare ancora quando crolla di più e comprare ancora quando crolla ancora…

Il problema è che il prezzo non risale più per mesi e si rimane col cerino acceso in mano!

I TITOLI AZIONARI E I CAMBI DI VALUTA NON HANNO CICLICITA’ PERCHE’ A DECIDERE LA SALITA E LA DISCESA DEL PREZZO SONO GLI UOMINI CHE  FANNO AFFARI E NON I SOFTWARE

Quando mi propongono  l’acquisto di un software di segnali di trading  mi viene da ridere perché se non avessi lavorato in una Banca d’Affari e se non fossi Analista Finanziario Certificato Associazione Italiana Analisti Finanziari non saprei che è l’uomo che muove  i prezzi non l’universo.

Ipotizziamo che un titolo azionario sia ciclico e il software ti abbia detto di acquistare in base alla ciclicità, fin qui tutto bene! Il problema è che alla Banca che possiede 500 milioni di euro di quel titolo azionario interessa  poco del tuo software e della tua ciclicità e proprio nel momento in cui tu hai acquistato le tue 1.000€ decida di vendere i suoi 500 milioni di euro di azioni.

Sai cosa  succede mio caro?

Che il titolo crolla e la ciclicità prevista dal tuo software e le tue 1.000€ vanno in fumo!

LE STRATEGIE USATE DAI MARKET MAKER NON SUBISCONO DANNI PERCHE’ SONO PROTETTE DA UN SISTEMA CHE DEVE PORTARE  A GUADAGNI MAGGIORI DELLE PERDITE ANCHE IN CASO DI VENDITE COLOSSALI E RIBASSI NON CONTROLLATI

Quindi se ho un blocco alla perdita ed ho investito al  rialzo uscirò con una piccola perdita minore dei guadagni ed il titolo azionario può anche  continuare  a  crollare.

Se invece non controllo le perdite, come farò a recuperare questa perdita? E’ quasi impossibile! Giusto?

Quanti altri investimenti in positivo dovrei fare per recuperare questa perdita? Diventa  anche scoraggiante!

ECCO PERCHE’ NON SI PUO’ CERCARE DI PRENDERE TUTTE LE INVERSIONI DI  PREZZO DELLO STESSO TITOLO, SI VA VERSO LA MORTE FINANZIARIA

Se non si sa come capire se il prezzo di un titolo è in tendenza positiva, se non si sa come perdere  meno di quanto si guadagna, è inutile investire “a caso”.

Poi arrivano le grandi perdite e ci si chiede se sia possibile fare l’impossibile!

La colpa qui non è mai del mercato, dell’azione,  del cambio di valuta, della strategia, del broker, della banca o dell’intermediario, è semplicemente di chi fa gli investimenti.

Se non si hanno i risultati che si vogliono è perché si stanno facendo  delle azioni diverse dal mantenere le perdite minori dei guadagni.

La differenza tra investimenti e trading non esiste!

Il web è pieno di siti per il trading ma non ci sono siti che aiutano la gente a capire come  funzionano gli investimenti in Borsa e a capire come gestire al meglio i propri investimenti.

Spesso la  gente mi chiede: “Ho un capitale di 40.000, di 50.000, di 200.000 che vorrei investire in qualche azione per generare  qualche bel rendimento. Cosa faccio?!”.

PRIMA DI TUTTO GLI INVESTIMENTI NON SONO MENO RISCHIOSI DEL TRADING COME SI  CREDE PERCHE’ NON C’E’ DIFFERENZA TRA INVESTIMENTI E TRADING

Cosa cambia tra comprare azioni e rivenderle dopo 30 minuti e comprare azioni e rivenderle dopo 3 giorni o dopo 3 settimane o dopo 3 mesi? Nulla! Comunque bisogna conoscere tutte le strategie  e tecniche necessarie.

Se uno vuole investire non è esente da rischi, da perdite e quindi dal non conoscere tutti gli strumenti necessari.

Chi investe compra azioni e le vende dopo mesi o anni, chi fa trading compra e rivende dopo 30 minuti o dopo alcuni giorni o settimane.

Per me non cambia nulla dato che il rischio di perdita è sempre lo stesso.

Se ho un capitale e voglio fare investimenti in Borsa senza guardare ogni trenta minuti l’andamento delle azioni allora dovrò acquistare e seguire una volta al giorno l’andamento per capire quando vendere in guadagno, perché a vendere in perdita ci penserà il sistema automatico di stop loss. Quindi è  solo una  questione di comodità e tempo.

SE VOGLIO FARE INVESTIMENTI IN BORSA COMPRANDO AZIONI UTILIZZO I GRAFICI CON BARRE GIORNALIERE

Ogni barra rappresenta una seduta di Borsa aperta e per avere un guadagno dovrò aspettare o giorni o settimane o mesi.

Sicuramente investire è più comodo perché basta controllare solo una volta al ogni due o tre giorni l’andamento del titolo.

Invece, se voglio fare trading apro un grafico a 5 minuti di un cambio di valuta, acquisto e rivendo dopo 15 o 30 minuti al massimo.

A livello di perdite o di guadagni, poco cambia perché in tutti e due i casi non posso eliminare le perdite e alla fine della fiera quando avrò  fatto più investimenti dovrò comunque avere guadagni maggiori delle perdite.

QUINDI, CHE SI TRATTI DI INVESTIMENTI O SI TRATTI DI TRADING IL RISCHIO E IL MODO DI INVESTIRE NON CAMBIA, CAMBIA SOLO IL TEMPO

Anche investire richiede di avere una strategia e un sistema che porti ad avere guadagni maggiori delle perdite, da questo concetto base non si può scappare.

Quindi che uno debba fare investimenti o debba fare trading non cambia nulla bisogna comunque studiare tutto ciò che serve sapere per avere guadagni maggiori delle perdite.

Perché solo il 5% diventa ricco con gli investimenti mentre il 95% perde quasi tutto il capitale?

Questa domanda mi è stata posta migliaia di volte.

In primo luogo il 95% delle persone investe a caso attratto dai facili guadagni, in secondo luogo non ha né tempo né voglia di imparare.

Ricorda sempre cosa dice il Dott Murphy: “L’unico peccato su questa terra è l’ignoranza“.

La gente non ha voglia di studiare! Vuole solo guadagnare senza fare nulla! Se i soldi piovessero dal cielo sarebbe meglio, infatti tutti giocano ai gratta e vinci!

Chi è diventato milionario con la lotteria poi ha perso tutto in pochi anni, perché se uno è ignorante finanziariamente, lo è con 5 euro e lo è comunque e soprattutto con 5 milioni di euro.

SE L’IGNORANZA E’ LA CAUSA DELLA POVERTA’ ALLORA QUAL E’ LA CAUSA DELLA RICCHEZZA?

Semplice acquisire delle abilità tecniche e mentali che attraggono investimenti in cui ciò che si perde è maggiore di ciò che si guadagna in media.

Ora guarda 3 tipi di investitori esperti (tralasciamo chi investe a caso):

Nel primo caso abbiamo un investitore che rischia 200€  se perde e prende 100€ se guadagna, questo investitore è obbligato ad avere una strategia che guadagna nel 70% dei casi se vuole essere in guadagno, perderà 3 volte 200€ e guadagnerà 7 volte 100€. Avrà guadagnato 100€!

Nel secondo caso l’investitore rischia 100€ e guadagna 100€. Deve avere una strategia che guadagna nel 60% dei casi in modo da perdere 4 volte 100€ e guadagnare 6 volte 100€. Avrà guadagnato 100€!

Nel terzo caso ha bisogno di una strategia che fa guadagnare solo nel 50% dei casi. Guadagnerà 5 volte 200€ e perderà 5 volte 100€. Avrà guadagnato 500€!

QUINDI QUANTO INCIDE IL FATTORE RISCHIO/RENDIMENTO?

Il trader o investitore che sa mantenere sempre questo rapporto o sa come ampliarlo aumenterà sempre il suo capitale e creerà per legge matematica la sua fortuna.

Così funziona praticamente su un grafico:

Quindi devo conoscere la tecnica che mi dice in quale punto normalmente il prezzo sale di molto?

PERCHE’ E’ IMPORTANTE AVERE UNA PERDIT FISSA SEMPRE?

Se perdo sempre 100€ quando perdo e ne guadagno 300€ o 400€ quando guadagno vuol dire che il mio capitale aumenterà sempre più (salvo che non sia stupido e mi dimentichi di usare gli stop loss quindi subirò una perdita irrecuperabile).

Se guadagnassi 5 volte 100€ e perdessi 5 volte 50€ avrei guadagnato 250€.

QUESTO E’ TUTTO IL TRADING!

Nel manuale operativo descrivo la tecnica con cui faccio praticamente questo sui mercati azionari, forex o materie prime dal grafico a 5 minuti a quello giornaliero.

Questa è matematica semplice che chiunque può applicare non magia finanziaria!

Si tratta di avere perdite minori dei guadagni. L’abilità che bisogna maturare per mantenere le perdite più piccole dei guadagni, la disciplina e la costanza sono poi un’altra cosa che bisogna allenare per riuscire.

Consigli da un investitore da 8 miliardi di $

Secondo la rivista Forbes George Soros controlla un patrimonio da 8 miliardi di dollari ed io tutto quello che so sui mercati finanziari l’ho appreso da George Soros.

Tutto il materiale che trovi online su George Soros è tutto sbagliato ed è tutto inventato da gente che non ha nemmeno idea di chi sia George Soros.

C’è chi dice che George Soros non usa l’analisi tecnica (quindi non guarda  grafici di Borsa) chi dice che i grandi investitori come lui non hanno perdite o non tagliano le perdite o non usano stop loss (cioè livelli di uscita in perdita dall’investimento).

Scusami il termine ma ne scrivono di cazzate!!!

In questo brevissimo articolo voglio svelarti tre piccoli segreti del grande finanziere.

1. COME FUNZIONA LA RICCHEZZA CREATA INVESTENDO IN BORSA PER GEORGE SOROS.

George Soros dice:

“Non importa quante volte hai ragione o torto, ma quanto perdi quando hai torto e quanto guadagni quando hai ragione”.

Quindi a George Soros non serve una strategia che lo faccia guadagnare 9 volte su dieci.

Lui può perdere 3 volte 200 milioni e guadagnare in una sola volta 800 milioni, sarà in positivo di 200 milioni.

George Soros continua a fare i suoi investimenti tranquillamente mentre il 95% dei traders o investitori, investe a caso, segue i consigli di un amico, segue i consigli di una newsletter, segue un sito finanziario scritto da un bimbo di 16 anni a cui gli piace la Borsa, ecc…

2. GEORGE SOROS GUARDA I GRAFICI

Usa il DEMARK indicators

Quindi chi dice che questo tipo di investitori non guarda i grafici e non usa l’analisi tecnica è uno che sicuramente ha studiato su internet leggendo un po qui e un po li.

3. GEORGE SOROS DICE: SONO RICCO SOLO PERCHE’ SO QUANDO SBAGLIO.

George Soros usa gli stop loss, sa quando uscire dall’investimento con una piccola perdita che sarà recuperata dal guadagno medio degli investimenti in cui ha ragione.

Se i suoi guadagni continueranno sempre ad essere maggiori delle perdite la sua ricchezza continuerà a crescere sempre di più per semplice legge matematica.

La ricchezza malgestita del 95% degli investitori che investono “a caso” sempre per legge matematica subirà una diminuzione.

E’ semplice come bere un bicchier d’acqua!

Ecco i miei risultati ottenuti in pochi minuti applicando il principio di George Soros!

Nessuna magia, solo matematica semplice!

I market maker creano congestioni di prezzo, trappole, salite e discese.

Caro trader o investitore, se non hai lavorato in una Banca d’Affari o con un intermediario finanziario forse non sai chi sono i market maker e cosa fanno.

I market maker garantiscono il movimento di un titolo quotato in Borsa qualora non dovesse esserci nessuno a comprarlo e a venderlo.

I market maker sono banche o società di intermediazione che comprano azioni o operano sul forex per conto proprio o di altri.

PERCHE’ E’ INDISPENSABILE CONOSCERE I MOVIMENTI DEI MARKET MAKER?

Conoscendo i movimenti dei market maker si può evitare di perdere un sacco di soldi.

Spesso dopo l’uscita da una congestione, il 95% dei traders compra perché su internet ha letto che un prezzo che esce da una congestione continuerà a salire perché si tratta di accumulazione, invece il prezzo viene fatto uscire dalla congestione e poi fatto crollare. Quando tutti vendono in perdita il prezzo viene fatto risalire.

Come puoi vedere se non conosci questi giochi ne diventi vittima.

PRIMA DI CONOSCERE QUESTE DINAMICHE LE MIE PERDITE ERANO SEMPRE MAGGIORI DEI GUADAGNI! IL MIO PORTAFOGLIO ERA PERENNEMENTE IN PERDITA!

Rimanere bloccato in una congestione, aspettare la salita e poi veder crollare il prezzo è una situazione naturale per tutti i traders ed investitori che seguono le regole base scritte su libri e siti che parlano di Borsa. Il problema è che in questo modo si perdono un sacco di soldi, basta provare.

QUINDI QUAL E’ LA GIUSTA STRATEGIA DI TRADING?

Quella che miscela movimenti dei market makers + valore delle perdite minore del valore dei guadagni + rispetto delle regole che si matura con l’esperienza.

Questo spiego nel manuale operativo con cui ho formato centinaia di investitori e trader lavorando nelle banche.

Questa è la strategia che va compresa e approfondita anche se di facilissimo utilizzo anche per negati.